martedì 29 giugno 2010

Chi vota a destra è un imbecille? ( III )

In Germania, il cancelliere Willy Brandt era amatissimo e molto popolare, quasi una leggenda: un po’ come Kennedy in America. Ad ogni elezione, il suo partito vinceva con larga maggioranza.
Poi accadde che un suo stretto collaboratore fu colto con le mani nel sacco: era una spia dell’Est.
Brandt non era stato toccato direttamente, quel fatto riguardava solo quel suo collaboratore (Günther Guillaume, se non ricordo male); ma diede ugualmente le dimissioni. Quanto meno, aveva sbagliato a scegliersi i collaboratori: e questo bastava.
In America, qualche anno prima, il presidente Nixon era stato costretto a dimettersi per un motivo che visto oggi fa perfino sorridere: persone legate a lui avevano messo microspie nella sede del partito democratico. Lo scandalo Watergate era tutto qui, ridotto ai minimi termini: ne abbiamo viste di peggio. Anche Richard Nixon era stato eletto (due volte) con un vasto mandato popolare.
Tutto questo per dire che a me basta e avanza la condanna – magari una condanna definitiva: primo grado, appello e cassazione - intorno ai sette anni di carcere – di una sola persona per togliere dalla politica tutte le persone a lui strettamente vicine. Quanto meno, che facciano un passo indietro: anche se non hanno nessuna colpa personale, così come fece Willy Brandt.

Una condanna per corruzione è una cosa seria, soprattutto se capita a un politico, ancora di più a un ministro e dirigente di partito. L’altra sera in tv si parlava di queste cose, e uno si è chiesto se quel dibattito non fosse troppo lungo e pieno di dettagli difficili da capire, soprattutto per i giovani che all’epoca dei fatti non c’erano o erano troppo piccoli per capire: ecco, sono d’accordo. Secondo me questi dibattiti non hanno senso: se Cesare Previti è stato condannato a sette anni di carcere per corruzione, tutti quelli che stavano vicino a lui devono uscire dalla politica. Punto. Se non si comincia da qui...
N.B.: dopo le dimissioni di Brandt, il suo partito vinse le elezioni: con Helmut Schmidt alla guida. Dopo le dimissioni di Nixon, il partito repubblicano perse le elezioni successive, ma poi governò per 12 anni filati, con Reagan e con Bush; e poi - dopo Clinton - per altri otto anni filati, con Bush figlio. Insomma, a dare le dimissioni in questi casi ci si fa bella figura. Se non si comincia da qui...

PS: ho pubblicato questo post per la prima volta il 5 dicembre 2009, parlando in generale; stavolta c'è una dedica ed è per il ministro Scajola - ma niente di personale, s'intende. Prima o poi, si sa, ne salterà fuori un altro: basta aspettare.

PS2: ho pubblicato questo post per la seconda volta il 4 maggio 2010, e oggi è arrivata la condanna in appello a sette anni di carcere (sette anni di carcere, in appello) per Marcello Dell'Utri. Condanna per appoggio esterno alla mafia: alla mafia. Ripeto: sette anni di carcere, condanna in appello, mafia.

7 commenti:

Ermione ha detto...

Penso che gli elettori non siano sempre e solo dei caproni, quindi capaci di comprendere che, se un politico si dimette, non è tutto un calderone. Cioè, non sono colpevoli tutti i repubblicani, o i liberaldemocratici (erano loro?) Magari non ho tutte queste sicurezze sull'elettorato italiano, che ha meno capacità critica e si lascia "imbecherare": sono sicura che la storia di Marrazzo avrà ripercussioni nel voto alle regionali, così è spesso avvenuto.
Le dimissioni di Berlusconi, mah, sono certa che non si dimetterà mai e non avremo l'effetto positivo del dopo-dimissioni.

Giuliano ha detto...

Questi post nascono da dicorsi fatti e sentiti... Anche in tv, si ripete spesso: saranno mica tutti scemi per votare lì?
Ma io di dubbi ne ho molti, mi piacerebbe avere qualche risposta alle domande che ho messo qui, soprattutto alla prima: come è possibile che i lavoratori italiani abbiano buttato via tutto quello che i loro genitori e nonni avevano faticosamente portato a casa in quarant'anni di lotte?

lamontagnaincantata ha detto...

non sono scemi, sono pratici, furbi anche e poi le lotte le lotte, quelle si facevano in piazza, a casa c'era altra musica, anzi altra televisione

Giuliano ha detto...

E' vero, a molti conviene: questa è la base.
Poi ci sono quelli che pensano che vada meglio così, che vada tutto bene, che chi dissente è noioso...

Ermione ha detto...

Già, va detto forte e chiaro: CONDANNATO A SETTE ANNI. MAFIA. Va detto perché non so se hai visto come ha dato la notizia il tg1 di "Scodinzolini", roba da propaganda di regime, ci sarebbe da scompisciarsi dalle risate, invece viene una terribile rabbia e vergogna a vedere cosa si permettono di fare. Nessuno - o pochi - si scandalizzano, ma, appunto, chi dissente è noioso...

Ermione ha detto...

Ah, ho dimenticato di inserire il link del servizio. Eccolo:
http://www.youtube.com/watch?v=tvi8ec3SdA0&feature=player_embedded#!

Giuliano ha detto...

E fossero gli unici, Previti e Dell'Utri...invece ne arrestano uno a settimana, tutti di Bossi e di Berlusconi (e anche di Alemanno, pensa un po'), molti dei quali con le mazzette in mano (vedi l'assessore milanese fuori di Palazzo Marino).
Se poi vai a vedere per quali scemenze (al confronto) si sono dimessi il sindaco di Bologna e anche quel disgraziato di Marrazzo...
Mah!
Avessi una risposta che è una, da destra e dalla Lega Nord solo insulti e alzate di spalle.